Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

EnergiaVicina | 23/02/2020

Scroll to top

Top

Energia “fai da te” in crescita

Energia “fai da te” in crescita
Redazione

Spesso il fai da te è sinonimo di pressapochismo e di pessimi risultati (ricordate il celebre spot pubblicitario “Turista fai da te? Ahi ahi ahi”?). Quando, però, si parla di fai da te nel campo dell’energia non è affatto così: fai da te significa risparmio e sostenibilità. Ed è per questo che sempre più italiani lo apprezzano.
Questo è il quadro che viene delineato dal “Monitoraggio dello sviluppo degli impianti di generazione distribuita per l’anno 2013”, report pubblicato poco tempo fa dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas. I dati riportati rivelano che la produzione derivante dagli impianti di piccola taglia diffusi sul territorio è in continua crescita.

Un po’ di numeri

Secondo il monitoraggio, nel 2013 la produzione lorda di energia elettrica da generazione distribuita e piccola generazione è stata pari a 63,4 TWh, cioè il 21,9% circa dell’intera produzione nazionale di energia elettrica. Questo salto in avanti (di circa 6,3 TWh) rispetto al 2012 si deve principalmente alla produzione termoelettrica derivante da impiego di biomasse, biogas e bioliquidi (+3,4 TWh) e alla produzione da fotovoltaico (+ 2,6 TWh).
Complessivamente, nel 2013 gli impianti istallati erano ben 587.284, in crescita del 21,1% rispetto all’anno precedent. Interessante notare come il mix di fonti energetiche utilizzate nella produzione di energia elettrica da generazione distribuita si discosti sensibilmente dal mix caratteristico dell’intero parco di generazione elettrica italiano. Ben il 75,4% dell’energia elettrica prodotta è, infatti, di origine rinnovabile, fotovoltaico in testa con una produzione pari al 32,1%.

Energia fai da te: una moda “buona”

Ciò che emerge dai dati appena analizzati è una tendenza sempre più diffusa a ricercare fonti di energia alternativa, per adottare uno stile di vita più sostenibile e più rispettoso dell’ambiente. Una realtà quella dell’energia da generazione distribuita che vede come protagoniste sia le imprese sia le famiglie. Abitazioni private, capannoni industriali e agricoli, aziende si affidano sempre di più al sole per soddisfare parte del loro fabbisogno energetico. E laddove la spinta non viene dalla volontà di tutelare l’ambiente, di certo il risparmio sulla bolletta dell’elettricità è una leva importante che spinge sempre più persone a investire sull’energia alternativa.

Shares
Share This