Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

EnergiaVicina | 23/02/2020

Scroll to top

Top

Ecosostenibilità, alcune soluzioni per la propria abitazione in ambito energetico

Ecosostenibilità, alcune soluzioni per la propria abitazione in ambito energetico
Redazione

In questi ultimi anni, il tema dell’ecologia sembra godere della considerazione che merita. Probabilmente, l’esigenza di garantire un futuro più vivibile alle future generazioni ha indotto diverse persone a cercare di fare qualcosa di concreto. Il rinnovato rispetto per la natura ha portato l’uomo a considerare l’ecosostenibilità come l’unica strada sostenibile quando si tratta di trovare soluzioni per la propria abitazione in ambito energetico. Sono nate, a tal proposito, diverse fonti di energia che si propongono come delle eccellenti alternative a quelle tradizionali. A favorire la nascita di molte di tali soluzioni è stata l’evoluzione tecnologica.

I pannelli solari: dal fotovoltaico ai pannelli solari termici

I pannelli solari hanno riscontrato un grande successo, e consentono di utilizzare l’energia solare trasformandola in energia “utile” e in calore. Si distinguono in due tipologie in base all’utilizzo: pannelli fotovoltaici e pannelli solari termici.

Quando si parla di pannelli fotovoltaici si fa riferimento a delle celle che, assemblate, vanno a formare un modulo; sono 36 le celle necessarie per ogni modulo, che permettono di produrre elettricità. I vantaggi di tale fonte di energia sono molti, tanto che diversi analisti l’hanno indicata come la fonte principale di energia elettrica entro i prossimi 15 anni. A sorprendere è la sua efficienza sotto 3 aspetti: ecologico, economico e pratico. Innanzitutto, si tratta di un’energia che non inquina, non rilasciando sostanze tossiche o, comunque, dannose per l’ambiente. L’energia fotovoltaica non è destinata ad esaurire, in quanto la sua fonte è il sole; questo la pone come alternativa di ottimo livello al petrolio e agli idrocarburi. Sul piano pratico deve essere indicato come l’energia prodotta possa essere venduta generando, pertanto, profitto. Infatti, nelle ore diurne, il pannello è in grado di accumulare una grande quantità di energia; quest’ultima viene utilizzata solo parzialmente all’interno dell’abitazione (in genere si raggiunge una percentuale che non supera il 40%), rendendo possibile cedere la quantità eccedente al “provider” dell’energia elettrica. Per ora, nel nostro Paese, si può procedere alla vendita di una quantità di energia non superiore a quella della bolletta mensile, ma è comunque possibile riservare l’energia che risulta in surplus per i giorni di pioggia o nelle ore notturne. Questo permette di avere a disposizione in qualunque momento un flusso energetico che non presenti interruzioni. Grazie all’energia solare è possibile sia riscaldare la casa che utilizzare l’energia che serve quotidianamente all’interno della cucina.

I collettori solari:

Un’altra forma di energia alternativa è rappresentata dai collettori solari (o pannelli solari termici), che vengono utilizzati per ottenere acqua calda, oppure per riscaldare gli ambienti, grazie all’acqua contenuta al loro interno. Nel caso in cui il loro impiego interessi l’ambito domestico, sarà possibile scegliere tra due tipologie diverse: collettori piani e connettori a concentrazione. I primi sono quelli che hanno registrato finora il maggior successo; sono più economici ed è possibile utilizzarli anche nel caso in cui il cielo sia nuvoloso. Quelli a concentrazione, invece, possono sfruttare solamente la radiazione diretta, ma hanno l’indubbio vantaggio di garantire temperature più elevate.

Scegliere gli infrarossi:

Da non sottovalutare è anche il riscaldamento ad infrarossi, che costituisce un sistema innovativo, il cui punto di forza è la possibilità di scaldare senza che si verifichi dispersione di calore. Infatti, normalmente, i caloriferi scaldano l’aria e, successivamente, quest’ultima permette all’ambiente circostante di beneficiare del calore generatosi. Grazie agli infrarossi si evita uno di questi passaggi, con un riscaldamento ad irraggiamento; il calore risulta molto simile a quello dei raggi del sole, traducendosi in un “comfort termico” che interessa direttamente il corpo umano. Il calore che viene prodotto rispetta l’ambiente, in quanto risulta pulito, e permette di ridurre i consumi.

Shares
Share This