Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

EnergiaVicina | 23/11/2017

Scroll to top

Top

Contratti non richiesti

Che cosa sono

Come da definizione dell’Autorità, nel suo “Atlante dei diritti del consumatore di Energia”, per contratto non richiesto si intende un contratto per la fornitura di energia elettrica, di gas o entrambi, che il cliente ritiene di non aver mai stipulato, o che ritiene di aver stipulato in seguito a una pratica commerciale scorretta dell’agente di vendita che lo ha contattato telefonicamente o in un luogo diverso dagli uffici commerciali del venditore (ad esempio a casa propria, o in un centro commerciale).

Si tratta quindi si contratti sottoscritti attraverso pratiche ingannevoli o aggressive, che inducono il consumatore medio a compiere una scelta che altrimenti non avrebbe compiuto.

Come tutelarsi

L’Autorità ha emesso un provvedimento che prevede che tutti i venditori debbano chiedere conferma al cliente prima di attivare una qualsiasi fornitura tramite una telefonata o una lettera di conferma.
Nei casi in cui il contratto non richiesto sia già stato attivato, è prevista una procedura semplificata per poter ritornare al venditore precedente, ossia alla condizione iniziale e senza costi, purché il fornitore non richiesto l’abbia adottata, non trattandosi di una procedura obbligatoria.

La lettera di conferma

Comunicazione scritta obbligatoria inviata al domicilio del Cliente con il quale è stato stipulato un nuovo contratto tramite contatto telefonico o in un luogo diverso dagli uffici commerciali del venditore, dal venditore stesso.

Serve per:
– informare il cliente che al venditore risulta stipulato un contratto di fornitura con il cliente medesimo, indicando il servizio (elettrico, gas, entrambi) e l’indirizzo di fornitura;
– specificare che il contratto sostituirà l’attuale contratto di fornitura, indicando la data prevista della sostituzione;
– indicare l’offerta commerciale oggetto del nuovo contratto, specificando che si tratta di un’offerta di mercato libero;
– indicare la data, il luogo e le modalità con cui il nuovo contratto è stato stipulato;
– indicare un recapito per richiedere informazioni o inoltrare un reclamo;
– indicare la data in cui il venditore ha trasmesso la lettera al vettore postale incaricato di consegnarla al cliente.

La chiamata di conferma

È la telefonata registrata, effettuata dal venditore o da un soggetto da questa incaricato, al cliente, con lo scopo di assicurarsi che il contratto sia stato concluso correttamente.
L’operatore telefonico deve chiedere al cliente il consenso per la registrazione della conversazione e informarlo che in caso di diniego non potrà in seguito beneficiare delle procedure agevolate a tutela in caso di contratti non richiesti.
Durante la chiamata di conferma, il cliente può confermare o smentire la propria volontà di stipulare il nuovo contratto.

Il cliente che ritiene di essere stato oggetto di un contratto non richiesto può inviare, anche tramite un proprio rappresentante legale o un’associazione di consumatori, un reclamo al venditore non richiesto.

Il reclamo, per avere accesso alla procedura agevolata, deve essere inviato:
– immediatamente dopo aver avuto conoscenza del contratto non richiesto
– comunque non più tardi di 40 giorni solari dalla data che compare sulla lettera di conferma alla dicitura (data di consegna al vettore postale)
– comunque non più di 30 giorni solari dal ricevimento della chiamate di conferma

In allegato al reclamo deve essere inviata copia della documentazione dalla quale risulta la data in cui il cliente ha avuto conoscenza del contratto non richiesto (copia della lettera di conferma, indicazione della data della chiamata di conferma).
Se non è mai stata inviata la lettera di conferma o effettuata la chiamata di conferma?
Se il venditore non ha inviato la lettera di conferma né effettuato la chiamata di conferma, i 30 giorni a disposizione del cliente partono dalla data di scadenza del pagamento della prima bolletta emessa dal venditore non richiesto, che deve essere allegata come documentazione nel caso di reclamo per contratto non richiesto.

Shares
Share This